Video City & Style

Alfa Romeo Tonale: la nuova concept plug-in della casa del Biscione

L’azienda de “la meccanica delle emozioni” - slogan che porta avanti ormai da più di 100 anni - ha cercato di tenere nascosto il più possibile il suo nuovo gioiello. Ma al salone di Ginevra non ce n’è stato per nessuno.

0 141

Il nuovo modello dell’azienda milanese avrà l’arduo compito di trascinare verso l’alto le vendite del marchio. I principali competitori sul mercato sono i Suv compatti di BMW, Audi e Mercedes (rispettivamente X2, Q3 e GLA). Trazione integrale, o anteriore, dimensioni ridotte rispetto al fratello maggiore Stelvio – infatti si parla di circa 440 cm – le prime due versioni dell’auto saranno a gasolio e a benzina: 1.0 T3 Firefly da 120 CV, per arrivare a 1.3 Firefly da 150 e 180 CV. Dunque elettrificarsi per Alfa non significa (solo) purificare la propria coscienza ecologista, ma vuol dire anche fare il pieno di CV e NM, di prestazioni insomma.

Il motore elettrico è stato messo al servizio delle ruote posteriori: in questo modo non solo si ottiene la trazione integrale senza albero di trasmissione e differenziali; ma si può “giocare” con l’erogazione di potenza e coppia al fine di ottenere una guida sempre più immersiva. Sullo schermo, touch screen da 10.25”, troviamo tre pulsanti per le nuove modalità di guida: “E-mozione”, taratura del gas specifica, frenata molto più incisiva e sterzo pesante; “Natural”, taratura media del gas, per cercare la massima intesa del binomio motore elettrico-motore endotermico; “Advance E”, dove l’auto viaggerà in elettrico al 100%.

Con le sue dimensioni ridotte, cerchi da 21”, e un infotainment degno di nota, avrà un prezzo accessibile, adeguato alle sue dimensioni: dovremmo essere attorno ai 25.000€. C’è da segnalare, inoltre, che per la fine dell’anno è attesa la versione ibrida plug-in. Questo modello, dovrebbe montare una batteria da 11-15 kWh, garantire una potenza di 70 CV e un’autonomia di 50 km in versione elettrica. È chiaro che quest’auto non nasce con lo scopo di diventare l’emblema dell’elettrico, ma semplicemente di far capire la potenza ingegneristica dietro la casa Milanese.

 

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Note dopo il form dei commenti