Video City & Style

Finale di stagione al cardiopalma

0 160

Cala il sipario sulla Serie A, Atalanta-Inter in Champions e Milan Europa in League. Empoli in B

Si è concluso ieri il campionato di Serie A 2018/2019, il cui ultimo turno ha sentenziato gli ultimi verdetti: l’Atalanta e l’Inter hanno staccato il pass per la Champions League a discapito di un Milan che ci ha provato fino alla fine. L’Empoli è stata l’ultima squadra a retrocedere in Serie B, con il Genoa, la Fiorentina e l’Udinese che hanno tirato un sospiro di sollievo.

Alla vigilia la classifica recitava: Atalanta 66, Inter 66, Milan 65, dunque alle prime due bastava vincere rispettivamente contro Sassuolo ed Empoli per garantirsi un posto nella massima competizione continentale l’anno prossimo. Tuttavia entrambe le squadre hanno avuto il fiato sul collo sin dall’inizio, dato l’immediato doppio vantaggio del Milan sulla Spal.

L’Atalanta si è trovata sotto contro il Sassuolo nei primi minuti di gara, complicandosi la vita, mentre l’Inter, pur spingendo molto, non riusciva a sbloccare la partita contro l’agguerritissimo Empoli, che, dal canto suo, doveva vincere per salvarsi. I bergamaschi hanno poi trovato il pareggio e quindi il vantaggio, anche grazie ad una doppia superiorità numerica, e per la squadra allenata da Gasperini si sono aperte le porte della Champions, per la prima volta in assoluto nella storia del club. L’Inter ha segnato il gol del vantaggio in apertura di secondo tempo, poi ha fallito la chance del raddoppio con il rigore sbagliato dall’ex capitano Icardi, subissato di fischi all’uscita dal campo da buona parte del pubblico e ormai prossimo all’addio, ma era comunque sicura del quarto posto, visto che la Spal aveva riacciuffato i cugini del Milan.

Poco dopo però i rossoneri sono tornati in vantaggio e nel frattempo l’Empoli cercava disperatamente il gol del pareggio, vitale per la salvezza dato il parziale a reti bianche nell’altra partita determinante tra la Fiorentina e il Genoa; a quindici minuti dal termine si è materializzato il pari empolese su una dormita generale della difesa nerazzurra, gelando il Meazza e facendo vedere alla squadra di Spalletti i fantasmi di un sorpasso degli odiati rivali rossoneri proprio all’ultima giornata, dopo un anno di continui sfottò e prese in giro. Ci ha pensato poco dopo però Nainggolan a far tirare un sospiro di sollievo ai tifosi interisti, ma la partita era ancora tutt’altro che conclusa: l’Empoli ha avuto almeno tre occasioni colossali per pareggiare negli ultimi dieci minuti di partita, in cui una volta ha trovato la traversa, nelle altre si è infranto contro il muro di nome Samir Handanovic, cui i tifosi dell’Inter farebbero bene a dedicare almeno una statua.

Così si è chiuso questo campionato, tra mille spaventi e altrettanti sospiri di sollievo per l’Inter e rimpianti per un Milan che fallisce l’accesso ai primi quattro posti, seppur di un solo punto. Menzione speciale all’Empoli che è retrocesso a testa alta giocando davvero un ottimo calcio e non dandosi mai per vinto, mentre il Genoa e la Fiorentina farebbero bene a farsi due domande sulle proprie disastrose stagioni. Infine l’addio di Daniele De Rossi alla Roma, in uno Stadio Olimpico pieno di tifosi romanisti accorsi per salutare la loro bandiera, con tanto di coreografia e giro di campo.  

Ora è tempo di calciomercato estivo, il campionato italiano inizierà nella prossima stagione nel weekend tra 24 e 25 agosto.

articolo a cura di Alessandro Di Trento

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Note dopo il form dei commenti