Video City & Style

Il museo: tradizione, esperienza ed educazione

I musei di Latina, sono dotati di un enorme potenziale ed un’identità storica precisa.

0 169

Il museo è un’espressione permanente e stabile di un immaginario più ampio e complesso, ovvero la società; difatti la struttura offre alla comunità un servizio culturale e artistico non indifferente, in quanto ha anche il compito di educare in maniera indiretta un cittadino, attraverso l’esperienza quotidiana e le suggestioni che trasmette questo luogo, anche riscoprendo le tradizioni locali del nostro territorio.

Appurati i molteplici aspetti del museo, possiamo dire infine che sono stati fondamentali anche per creare coinvolgimento e legame, che equivalgono ad uno sviluppo ed un cambiamento, all’interno di differenti società.

Latina, per esempio, può essere considerata una di queste, in quanto dotata di due importanti e longevi musei che caratterizzano da sempre il territorio pontino.

Nel 1991 viene inaugurato il museo più significativo del territorio, ”Il museo della Terra Pontina”, dall’Associazione “Don Vincenzo Onorati”, la quale si prodigò per raccogliere, specialmente attraverso donazioni di privati, materiali di qualsiasi tipo che appartengono e caratterizzano la nostra comunità dal 1932.

La struttura può essere considerata come un vero e proprio patrimonio per i cittadini, i quali, attraverso codici e oggetti diversi, sentono di dover ricordare il loro passato ed il loro presente come uomini.

Il museo è interamente dedicato alla storia delle bonifiche delle ex-paludi pontine, ma non solo; la figura dell’uomo, infatti, rappresenta una parte importante nell’opera.

Possiamo vedere delle ricostruzioni delle loro capanne e oggetti di uso quotidiano, come bici, specchi, arnesi da cucina, attrezzi, vestiti ed armi.

A differenza di ciò che si pensa, il museo civico raccoglie molte presenze giornaliere, che sono minimo di 10 visitatori per un totale di circa 3.000 visite annue.

Oltre al normale flusso di visitatori giornalieri, però, sono state effettuate visite guidate di gruppi organizzati, convegni, conferenze, mostre e concerti, e incontri con studenti universitari italiani e stranieri di differenti facoltà per preparare la loro tesi di laurea sui diversi aspetti della Bonifica.

A pochi chilometri di distanza vi è un’altra importante struttura che si trova a Piazza San Marco, nell’ex opera Balilla, il Museo Duilio Cambellotti, il quale riconosciuto come scenografo e illustratore romano, diventa il protagonista del luogo grazie alle opere donate dai suoi eredi.

Il percorso museale è articolato su due aree: un grande salone centrale e da molteplici ambienti di minori dimensioni distribuiti intorno a semicerchio con un ballatoio superiore che permette una visione dall’alto dei volumi sottostanti, inoltre raccoglie sculture, disegni, tempere, xilografie, ceramiche, libri, medaglie, manifesti e documenti che testimoniano l’attività dell’artista nel territorio di Latina.

Attraverso questo percorso scopriamo che il capoluogo latinense è ricco di strutture in tutta l’intera provincia, le quali hanno un potenziale sociale e storico importante che caratterizza il nostro passato e rende unica la nostra Città nel presente.

A cura di Eleonora Verardi (Progetto Alternanza Scuola – Lavoro)

Ph Copyright Museo della Terra Pontina

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Note dopo il form dei commenti